Articoli recenti:
03 01 2017
Telefoggia: Presepe incendiato: Miranda “Offesa al nostro sentimento cristiano”

Profonda offesa al sentimento religioso e alla sensibilità dei cristiani

“Quanto successo ieri nella parrocchia della Madonna del Rosario è una offesa profonda al sentimento religioso, alla cultura e alla sensibilità dei cristiani. Un cittadino straniero di religione musulmana, ospite del nostro Paese, ha incendiato e devastato il presepe e tentato di distruggere la teca che contiene una statua della Madonna”. Così Luigi Miranda, Presidente del Consiglio Comunale di Foggia e vice responsabile nazionale del Dipartimento dei Difensori del Voto di Forza Italia.

“Nell’esprime la mia fraterna e affettuosasolidarietà al Parroco e all’intera Comunità parrocchiale –continua Miranda – non posso non evidenziare come i valoricristiani, la Fede che accompagna la storia del nostro Paese daduemila anni, sono ormai costantemente presi di mira da una visioneintollerante della fede. È successo ieri a Foggia, è successo aVarese, succede tutti i giorni in tutto il mondo.

Eppure la Fede Cristiana è una Fede fondata suivalori dell’amore, del rispetto, dell’accoglienza. In nessunapagina del Vangelo si istiga alla violenza contro gli uomini eall’intolleranza verso altre confessioni.È necessario, difendere la nostra identitàdi cristiani e di occidentali. All’intolleranza che si manifestanei nostri confronti, dobbiamo rispondere con la ferma difesa deinostri valori e del nostro stile di vita.

Questo brutale episodio ha messo in evidenzal’evidente difficoltà di integrazione tra culture diverse –prosegue il dirigente nazionale azzurro – Su questo dato difatto oggettivo è necessario aprire una riflessione, urgente enecessaria. Nel va del futuro del nostro Paese, della serenità dellenostre famiglie, della tranquillità delle comunità religiose, dellanostra cultura, della nostra Fede, della nostra libertà. È undovere, non una opzione. Lo dobbiamo a noi stessi e ai nostrifigli.

Il Parroco della Madonna del Rosario vuole, anche se solo per pochissimi giorni, ripristinare il Presepe distrutto. È questo l’atteggiamento giusto da adottare in questa situazione. Nei confronti del vandalo che ha dimostrato di essere lontano da ogni ipotesi di integrazione – conclude Miranda – ci auguriamo venga disposto in tempi rapidi il decreto di espulsione dal nostro Paese.

FireStats icon Powered by FireStats